Informatica - Blog - D&M srl

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cloud, la nuvola che non tutti hanno raggiunto …

D&M srl
Pubblicato da in Informatica ·
Tags: cloudCRMGESTIONALE
 
Cloud, la nuvola che non tutti hanno raggiunto …
Solo qualche anno fa avere sempre a disposizione le nostre “informazioni” era un privilegio di pochi utenti supertecnologici, adesso è diventata un’esigenza imprescindibile e quasi scontata.
Archiviamo ovunque: sul pc, su smartphone e tablet (e ancora - purtroppo – anche in maniera cartacea).
 
Ma archiviare non basta.
La vera differenza la fa il bisogno di gestire e recuperare la nostra “informazione”, situazione in cui tutti ci troviamo davanti ad “un paio” di esigenze da risolvere:

  • Digitalizzare l’informazione (se non lo è già)
  • Trovarla in fretta tra tante altre
  • Non perderla, ossia fare in modo che sia archiviata su dispositivi sicuri, capienti e salvaguardati da danni fisici
  • Renderla accessibile ovunque io sia
 
Per risolvere questi ed altri problemi del genere è nato il cloud (termine inglese che significa nuvola e che in italiano si pronuncia clàud) che non è altro che uno spazio di archiviazione personale che risulta essere accessibile in qualsiasi momento ed in ogni luogo (tramite ovviamente connessione internet)
Il cloud non fa altro che sincronizzare tutti i tuoi file in un unico posto, con il conseguente vantaggio di riscaricarli, modificarli, cancellarli e/o aggiornarli e quindi evitare di portare con sé hard disk esterni, pen drive USB, o qualsiasi altra cosa che normalmente è possibile perdere o dimenticare.
Oltre a questo è possibile inoltre fare delle preziose copie di backup, nonché, condividere file con indubbi vantaggi di praticità e comodità.
 
E di sicuro questo è il futuro e la tendenza (non a caso Microsoft, recenti dati economici alla mano , investe e trae profitto dalla sua piattaforma Azure)
Il cloud, entro certi limiti è completamente gratuito, ma qualora ne avessi bisogno, pagando una piccola somma di denaro mensile, potrai avere a disposizione ancora più spazio.
Ottenere un cloud gratuito è facile, addirittura è automatico semplicemente registrando un proprio account email (esempio di Google o Microsoft)
In alternativa ci si può rivolgere ad altri gestori di servizio come Dropbox, iCloud (per dispositivi Apple), SugarSync, SKydrive, etc.
I servizi di cloud possono offrire anche funzioni aggiuntive come editing (possibilità di modificare i documenti direttamente online) servizi di versioning (consultare diverse versioni dello stesso documento) e di sharing (condivisione di documenti con utenti autorizzati) .
Più funzionalità/spazio vengono offerti e più è possibile – ovviamente – che venga richiesto un contributo economico per il servizio.
Scegliere il cloud adatto è anche molto legato agli strumenti che si utilizzano: per gli utenti Apple l'ideale è iCloud, per chi usa Microsoft il più consigliabile è SkyDrive, mentre Google Drive, più versatile, è consigliabile sia agli utenti Android (che hanno già un account Google) e anche a chi ha apparecchi di sistemi diversi.
Il cloud inoltre (ma non assolutamente per ultimo) è anche Cloud Computing, ossia non solo la possibilità di archiviare informazioni, ma anche di gestirle attraverso programmi installati appunto in remoto.  

Hai le idee più chiare su questo mitico “Cloud” ??
Se ancora non fosse così e hai bisogno di ulteriori dettagli o informazioni non esitare a richiedere la consulenza di un nostro esperto, non ti possiamo consigliare sulle tue scelte, ma abbiamo anche soluzioni pronte per te: Gestionale e CRM completamente utilizzabili in cloud! Non sei curioso?? ;-)
 
 



Non solo aumenta la diffusione dei i virus, ma anche i loro …venditori!

D&M srl
Pubblicato da in Informatica ·
 
Di virus di ogni tipo e soprattutto quelli con “riscatto” si parla ormai dal 2013 e sfortunatamente spesso non per sentito dire: chi non ha ricevuto almeno una mail “sospetta” alzi la mano.

 
Ormai i metodi per ingannare gli utenti sono sempre più sofisticati ed accattivanti e molto di frequente colgono nel vivo i loro ignari destinatari spacciandosi per enti/istituzioni/fornitori con cui si ha spesso a che fare nell’ambiente di lavoro o anche personale.
 
Ultimamente iniziano anche ad arrivare mail senza più il famoso allegato, ma addirittura con un link che se cliccato scarica direttamente il virus. (ecco l'immagine di questo realissimo esempio di una email mandata proprio alla D&M srl)

 

Ma come si diffondono questi virus??  A quanto pare anche con il “fai da te”.

Ne ha parlato recentemente anche il quotidiano LA STAMPA approfondendo non solo la veridicità di questa tesi, ma anche la facilità con cui un utente qualsiasi del web può infiltrare dei virus della rete, anche in maniera gratuita.

 
Il principio come sempre è il “vil denaro” che guadagnano in percentuali diverse sia i “venditori” dei virus che i loro distributori, un principio che commercialmente non fa una grinza, ma che dal punto di vista informatico può fare danni incredibili.

 
Di siti che fanno questo “sporco” lavoro ce ne sono ormai molti (troppi possiamo dire) ed alcuni sono addirittura automatizzati: basta mettere l’indirizzo bitcoin dove ti verrà pagata la tua parte di riscatto, configurare il “tuo” malware (ad esempio decidere quanti soldi chiedere e quanto tempo dare per pagare il riscatto) e poi semplicemente distribuirlo via email.

 
È tutto gratuito, si paga con una percentuale degli incassi a chi gestisce l’infrastruttura.

 
Incredibile, assolutamente vero... e ovviamente sconsigliato!!




Scoperto il motivo per cui alcuni utenti hanno aggiornato “involontariamente” a Windows 10?

D&M srl
Pubblicato da in Informatica ·
 


Nelle scorse settimane molti utenti si sono visti installare il nuovo sistema operativo dichiarando di non averne mai autorizzato l’aggiornamento consapevolmente.

 
Come Partner Microsoft ci siamo prontamente informati in merito e - a detta dei loro esperti - non poteva esserci nessuna forzatura in merito.

 
In effetti la loro tesi era corretta, ma potrebbe esserci un motivo per il quale l’aggiornamento “potrebbe” essere stato installato inconsapevolmente.
 

Dal qualche mese infatti è cambiato qualcosa.

 
Se sei curioso di saperne di più contatta i nostri esperti



I tuoi dati sono al sicuro??

D&M srl
Pubblicato da in Informatica ·
Tags: sicurezzadativirusbackup
Usare la tecnologia, archiviare informazioni è per tutti un’abitudine quotidiana....

Sui nostri dispositivi salviamo qualsiasi sorta di dato, dal più futile al più riservato, dando per scontato che questa operazione sia sicura e che i nostri files saranno sempre reperibili.

Ma è davvero così?? Sarebbe ovviamente auspicabile, ma purtroppo non possiamo dare tutto per scontato.



Spesso ci preoccupiamo (giustamente) della privacy dei nostri dati , ma purtroppo non della loro sicurezza in altri termini.   
E' invece importante considerare che :

  • Per quanto la gli strumenti di oggi sia affidabili ed innovativi ogni prodotto è soggetto a guasti, a volte anche irreparabili che rendono irrecuperabili le nostre informazioni.
  • Negli ultimi anni si sono diffusi in maniera sistematica una serie di virus veramente pericolosi che criptano irreversibilmente i dati di qualsiasi dispositivo.  I nuovi crypto-ransomware infatti hanno preso di mira non solo i sistemi operativi Windows , ma ultimamente anche Mac e Linux e  gli ultimi nati si insinuano addirittura su tablet e smartphone.

Cosa fare quindi per proteggere i tuoi dati da tutti i punti di vista ??

Questi i nostri consigli :

  • Opta per tecnologia affidabile
  • Cambia le tue password di accesso almeno ogni tre mesi ( pc , email , ingressi a cartelle e dati riservati )
  • Installa un buon antivirus e tienilo aggiornato
  • Fai delle copie regolari, affidabili e complete dei tuoi dati (unico vero modo per ripristinare dati persi, qualsiasi ne sia la causa)
  • Scegli un esperto a cui per affidare la tua sicurezza, il fai da te, non paga praticamente mai. Ogni professionista ha le sue competenze, per quanto oggi siamo tutti più abili nell’usare la tecnologia, non ci si improvvisa sistemisti o esperti di sicurezza.

Hai bisogno di consigli o aiuto??
Contattaci e chiedici una consulenza gratuita.



Upgrade a Windows 10 … non sempre le cose vanno per il verso giusto!

D&M srl
Pubblicato da in Informatica ·
Tags: Windows10Informatica



Ultimamente molti utenti vengono ingannati dalla richiesta di aggiornamento Windows 10 e - in maniera inconsapevole - lanciano l’upgrade.

Pur essendo un sistema operativo affidabile, innovativo e prestante, non sempre l’aggiornamento automatico dalle precedenti versioni di Windows consente di mantenere integre le funzionalità presenti sul pc, soprattutto per quanto riguarda driver di stampanti/dispositivi/schede di rete, cartelle condivise, connessione ad internet e – in alcuni casi – programmi.

Problemi che nella maggior parte dei casi sono risolvibili, ma che richiedono l’intervento di un tecnico esperto per riconfigurare correttamente i disagi generati dal passaggio.

Nel caso che siate intenzionati a passare al nuovo sistema operativo, i nostri consigli sono:
- Informarsi presso le case distributrici dei vostri software se i programmi che utilizzate siano certificati per Windows 10
- Fissare un appuntamento con i nostri tecnici in modo da risolvere tempestivamente gli eventuali problemi dati dall’upgrade

Nel caso invece che non siate intenzionati a passare a Windows 10, prestate molta attenzione ai messaggi che vi vengono inviati dal sistema per evitare di dare conferme di aggiornamento inconsapevoli.

Nel caso in cui l'aggiornamento fosse partito , non interrompete MAI l'esecuzione , è pericoloso e comporta il ripristino di molte impostazioni manualmente.





D&M srl
Via Castelleone 29/e
26100 Cremona (CR) - Italy
PI / CF 00782480198
Torna ai contenuti | Torna al menu